È arrivato Bitcoin Italia


Il primo bancomat a Roma

Dal 26 giugno alla Stazione Termini di Roma è divenuto possibile comprare e vendere Bitcoin. La moneta virtuale si sta diffondendo anche nel nostro paese, che rimaneva l'unico tra i grandi del vecchio continente a non avere un bancomat. Quella italiana è la ventunesima macchina installata in Europa e funzionerà come gli altri Robocoin Kiosk prodotti dall'azienda americana.
 

Una macchina alta quasi due metri e pesante mezza tonnellata, negli spazi di Luiss Enlabs della stazione romana installata da Robocoin Italia, fondata dall'imprenditore Federico Pecoraro, un vero e proprio pioniere nel campo.
 

Il bancomat, chiamato Bit-Wallet, è stata inaugurato in occasione del No Cash Day, evento organizzato dall'associazione Cashless alla sua quarta edizione. L'evento, che si è svolto a Montecitorio, ha visto istituzioni, imprese e nuovi imprenditori confrontarsi sulle prospettive del Bitcoin nell’economia reale nel medio-lungo periodo e, soprattutto, su quale quadro normativo possa garantire lo sfruttamento delle potenzialità dello strumento arginandone i rischi.
 

Cosa sono i Bitcoin

Dare una definizione abbastanza esaustiva e completa della moneta virtuale più famosa del mondo, non è cosa così semplice. Il Bitcoin (simbolo: ฿) supera il significato di moneta cartacea, perché viene controllata e scambiata unicamente da computer e server sparsi nel World Wide Web.
 

Partì tutto nel 2008 dall'intuizione di un programmatore anonimo conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Egli ipotizzò di lanciare una moneta virtuale distribuendola come fosse una release, un software da installare in un certo numero di macchine per poi far operare altre persone in remoto. La moneta uscì il 3 gennaio 2009.
 

Bitcoin: Miner e Wallet

Nel sistema Bitcoin ci sono due agenti importanti:

  • Il Miner. Un calcolatore messo a disposizione del P2P di Bitcoin per l’operazione di verifica della correttezza di un’operazione. All'inizio era un semplice computer, ma attualmente vi è un vero e proprio team di professionisti.
  • Il Wallet. Il programma che permette di entrare nella rete Bitcoin. Il portafoglio contiene indirizzi e chiavi per effettuare le transazioni economiche. É una banca personale di diverse tipologie, installato sul cellulare, un servizio web, uno strumento offline e via dicendo.

Come internet, ma con il cash

“Bitcoin is like the early Internet, minus the VC money”. Bitcoin utilizza un database distribuito tra i nodi della rete che tengono traccia delle transazioni, e sfrutta la crittografia per gestire gli aspetti funzionali come la generazione di nuova moneta e l'attribuzione di proprietà dei bitcoin.
 

La rete Bitcoin consente il possesso ed il trasferimento anonimo delle monete. I dati necessari ad utilizzare i propri bitcoin possono essere salvati su uno o più personal computer sotto forma di "portafoglio" digitale, o mantenuti presso terze parti che svolgono funzioni simili ad una banca. In ogni caso, i bitcoin possono essere trasferiti attraverso Internet verso chiunque disponga di un "indirizzo bitcoin".
 

La struttura peer-to-peer della rete Bitcoin e la mancanza di un ente centrale rende impossibile per qualunque autorità, governativa o meno, di bloccare la rete, sequestrare bitcoin ai legittimi possessori o di svalutarla creando nuova moneta.
 

Come funziona il bancomat

Le operazioni del dispenser di Bitcoin sono:
 

robocoin

  • Signing Up. Inserendo il numero di cellulare prima e quello inviato dal sistema via sms poi inizierà l'attivazione.
  • Scanning. Sarà richiesta anche la scansione del codice fiscale, della patente e di una foto.
  • Waiting. Dopo un'attesa di cinque minuti si potrà iniziare ogni vera e propria attività. Dopo cinque minuti si può già operare.
  • Buying. Se vogliamo comprare Bitcoin, basterà autenticarsi sulla macchina per ottenere un portafoglio virtuale, inserire il contante e avremo una ricevuta cartacea e una notifica sul cellulare.
  • Selling. Se vogliamo vendere, dopo l'autenticazione, dobbiamo inserire l'importo desiderato e prendere una ricevuta con due codici Qr. A questo punto scansioniamo con una applicazione sul cellulare uno dei codici, mentre l'altro dovrà essere scansionato alla macchina così da farci ritirare il contante. Tutto ciò è reso possibile da una piattaforma di exchange Bitcoin che fa compravendita via internet.