Verso una tecnologia indossabile e fashion


Dispositivi indossabili, ma non troppo

Per tutti gli amanti della moda, i dispositivi indossabili sono tutto fuorché indossabili. I grandi trend setter e le autorità tecnologiche stanno cercando da tempo la maniera per coniugare i due mondi e rendere i device anche belli.
 

Il segreto per il successo dei nuovi dispositivi wearable sembra essere quello, creare un prodotto che, oltre ad essere innovativo da un punto di vista tecnologico, sia talmente bello come accessorio da essere desiderato dai clienti.
 

Non si parla di funzionalità e connettività, ma di quello che tratta la moda, estetica e personalità, come appare un prodotto, come ti fa sentire quando lo indossi. Il design dei wearable dovrebbe seguire questa filosofia, vale a dire ciò che indossiamo è il riflesso di noi stessi. Noi siamo strettamente connessi con ciò che abbiamo addosso, e quel che manca ancora a tutti i wearable device è lo status di “alla moda” anziché “super tecnologico”.
 

Quando la moda incontra la tecnologia

Come abbiamo accennato le cose stanno, pian piano, evolvendo e stiamo assistendo ad una forte apertura del mondo della tecnologia verso quello dei fashion designer. Il braccialetto della Netatmo June realizzato in collaborazione con Louis Vuitton e Camille Troupet che monitorizza l'esposizione al sole. Ci sono i MetaWatch disegnati da ingegneri della Fossil e prodotti con metalli di altissima qualità e cinturini classici di pelle e i charm bracelet della Mighty Cast.
 

In arrivo anche i Google Glass targati Diane Von Furstenberg, nati dalla collaborazione con la stilista di origini belga, la prima ad averli portati sulle passerelle della settimana della moda di New York nel 2012.