Android Wear: quando la tecnologia si indossa


Google diventa wearable

Google ha ufficializzato il lancio di un nuovo sistema operativo appositamente creato per gli smartwatch che prenderà il nome di Android Wear. L'obiettivo del brand è quello di costruire un progetto utilizzabile da produttori di terze parti, una sorta di sistema operativo ideato per gli orologi del futuro e riadattabile a varie situazioni.
 

Con Android Wear avremo a disposizione numerosissime funzionalità, dal chattare e scrivere con il riconoscimento vocale al più classico utilizzo come mp3, dalla geolocalizzazione con Google Maps a tutti i servizi disponibili con Google Now, dal meteo ai luoghi di maggior interesse, dai risultati dei match sportivi agli aggiornamenti dei nostri siti preferiti.
 

android-wear1
 

I Google Glass erano, quindi, solo il primo passo. Accanto al progetto di questo sistema operativo si aggiunge Moto 360, uno smartwatch realizzato dall’americana Motorola, ancora di proprietà di Google prima del futuro passaggio ai cinesi di Lenovo. Secondo molte voci di corridoi questo prototipo sarà il primo smartwatch bello da vedere e da indossare. Il design risulterebbe elegante, il quadrante tondo e di dimensioni ridotte, il tutto rifinito da materiali di altissima qualità.
 

E la Apple?

Ancora nessuna notizia ufficiale dal colosso di Cupertino. L’iWatch, quello che era stato il primo ad essere annunciato, si sta dimostrando invece l’ultimo ad essere immesso nel mercato mondiale.
In controtendenza rispetto ai vari prodotti lanciati soprattutto nell’ultimo decennio, la Apple sta lasciando ampio spazio ai diretti concorrenti.
 

Le attese rimangono tantissime, così come i forum e gli articoli online che ipotizzano il design e le fattezze dell’iWatch. Noi di iperdesign restiamo sempre in allerta, anche perché siamo certi che, una volta lanciato nel mercato, lo store diventerà un grandissimo palcoscenico di creatività ed innovazione.