App, Tablet e Smartphone in crescita: le previsioni per il 2012.

 

Finalmente pubblicato da Deloitte il Tmt Predictions 2012. Giunto alla sua undicesima edizione, il rapporto della più famosa società di consulenza al mondo lancia anche quest'anno le previsioni riguardanti il mercato e le aziende che operano nei settori indicati dall'acronimo Tmt: Technology, Media & Telecommunications.

Leggendo il rapporto ho scoperto che:

1) stanno crescendo nel mondo gli smartphone di fascia bassa

2) sono in aumento coloro che possiedono più di un tablet

3) è in forte crescita il mercato delle app

Vediamo nel dettaglio:

SMARTPHONE 100 $

Secondo Deloitte, a fine 2012 gli smartphone dal prezzo uguale o inferiore ai 100 dollari saranno più di 500 milioni. Proprio per il prezzo così basso, il contenuto tecnologico di questi smartphone sarà inferiore a quello degli esemplari più sofisticati. Gli smartphone economici non rinunceranno però ai servizi di collegamento alla rete WI-FI, e-mail e messaggistica istantanea. Il compratore-tipo sarà qualcuno che non ha mai posseduto prima uno smartphone e che non necessariamente vorrà sfruttarne appieno la tecnologia. COSA SIGNIFICHERA' PER GLI SVILUPPATORI: per non perdere un'importante fetta di mercato, gli sviluppatori dovranno cominciare a sviluppare app che funzionino anche su smartphone "poco smart e molto phone".

UTENTI MULTI-TABLET IN AUMENTO

Nel 2012 almeno il 5% dei tablet venduti verrà comprato da chi ne possiede già uno. Considerando che il mercato dei tablet esiste da appena tre anni, siamo di fronte alla più rapida "multianything market penetration" di tutti i tempi. COSA SIGNIFICA PER GLI SVILUPPATORI: per stare al passo con un'offerta sempre più diversificata e consentire ai proprietari multi-tablet di passare facilmente dall'uno all'altro, bisognerà creare contenuti web che si adattino a diversi formati di schermo e a diverse tecnologie.  Come ho già scritto altrove, il Responsive Design sembra indicare la strada futura.

MERCATO DELLE APPLICAZIONI IN CRESCITA

Deloitte prevede che nel 2012 le applicazioni supereranno i due milioni, doppiando il milione raggiunto a dicembre 2011. La crescita impetuosa delle applicazioni porterà ovviamente ad un abbassamento dei prezzi, ma anche ad un processo di "selezione naturale" delle applicazioni più riuscite, complete, funzionali. La qualità comincerà a prevalere sulla quantità e sviluppare app di livello superiore diventerà più costoso per le aziende. Ecco perché tenderanno ad imporsi sul mercato soltanto i professionisti, che si lasceranno dietro la lunga scia dei creatori di app-fai-da-te. Un discorso a parte riguarda invece quello i Paesi in via di sviluppo, in cui la diffusione degli smartphone è ancora agli inizi; in questo caso, potrebbero avere successo anche applicazioni più semplici, simili a quelle che un paio di anni fa hanno scalato le classifiche nel nostro "lato" del mondo. COSA SIGNIFICA PER GLI SVILUPPATORI: gli sviluppatori di app dovranno puntare sulla qualità e sull'innovazione. Dovranno inoltre tradurre le app nelle lingue dei Paesi in cui stanno debuttando gli smartphone e valutare le infrastrutture tecnologiche a disposizione(non tutti i Paesi, ha notato Deloitte, sono "a banda larga").

Scarica il rapporto completo Deloitte.